Al momento stai visualizzando DEA VOLLEY : MORONI PER SOGNARE

DEA VOLLEY : MORONI PER SOGNARE

La Dea Volley è orgogliosa di annunciare Alessandro Nulli Moroni come nuovo allenatore per la categoria serie C nella stagione 23/24.Un allenatore con una lunga storia alle spalle , la sua esperienza e professionalità sono solo alcuni dei tratti che caratterizzano la sua persona.
Di seguito le sue prime parole in risposta alle nostre domande.

Dopo le recenti esperienze presso lo United Volley Pomezia e nel Volley Club Frascati , arriva la chiamata da parte della Dea Volley , cosa ti ha spinto ad accettare questo progetto ?

“Il primo incontro con Roberto e Simone Binetto è stato oggettivamente motivante. Dalle loro parole emergeva chiaramente la voglia di riscatto e di rivincita dopo una stagione di B2 molto complessa e mi hanno espresso in maniera molto forte la volontà della società di riprendere un percorso virtuoso che li potesse portare, nei giusti tempi, di nuovo a partecipare a campionati nazionali. Mi hanno espresso inoltre la necessità di cominciare un lavoro di qualità anche in un settore giovanile diventato molto numeroso negli ultimi anni. Tutta questa determinazione mi ha molto colpito tanto da decidere di far parte di questa realtà”.

Ha già in mente qualcosa per la prossima stagione? Quali sono le sue "ambizioni"?

“Per quanto riguarda la serie C la priorità è stata quella di conoscere le ragazze della passata stagione che avevano espresso la volontà di rimanere per poterne valutare alcuni aspetti tecnici e per riportare anche un clima di fiducia e di motivazione venuti un po’ meno dopo la stagione appena conclusa. Dall’altra parte si sta lavorando per aggiungere risorse importanti funzionali agli obiettivi societari ed abbiamo già alcune conferme “pesanti” ma siamo ancora in costruzione. Io non ho ambizioni in particolare. Ho detto chiaramente alla proprietà che l’unica cosa che posso garantire è serietà, professionalità e tanta tanta passione  per questo sport ,su quello no ho dubbi e mi sento di garantire. Cercherò di aiutare il più possibile sia le atlete che la società in questo percorso di crescita mettendo a disposizione la mia piccola esperienza frutto di anni sul campo e alla fine e soprattutto senza fretta si potrà capire se la strada intrapresa sarà stata quella giusta”.

Lascia un commento